Madd@ 52

Quasi ultimati i lavori di ristrutturazione della sede di Madd@ 52 grazie anche ai ragazzi del C.E.L il Laboratorio. Buon lavoro ragazzi!!!

DSCN6312

Madd@ 52

ll progetto, a partire dall'apertura del 52 rosso di Via della Maddalena, si diffonde sul territorio circostante. Il 52r sarà fisicamente presidio sulla strada, sportello ad accesso immediato, sede delle redazioni, spazio di incontro, scambio, discussione, animazione, esposizione, socializzazione e sarà anche la base fisica di altri progetti. Asse portante del progetto è la Comunicazione. Le varie “diramazioni” riconducono tutti a questo valore comune: il condividere, il mettere in comune, il tessere relazioni, dentro e fuori il quartiere. La comunicazione permette di superare la divisione e la diffidenza e mettere a valore comune, oltre alla nostra resistenza all’avversità, il nostro saper fare, il saper creare una rete solidale, il condividere tra noi e far condividere (possibilmente con noi), far emergere e rendere tangibile l’energia positiva esistente, in particolare negli ambiti come la scuola, le associazioni e le parrocchie. La volontà che anima il Giornale, la Maddalena TV, il portale web, nonché la nostra partecipazione ai contenuti di radio Gazzarra web, è quella di creare momenti in cui mettere a valore comune la nostra forza e la nostra volontà, di uscire dall’immaginario collettivo del quartiere degradato per rendere visibile tra noi e fuori dai nostri confini, valori nuovi. Il “Portale degli oggetti condivisi”, ad esempio, mira attraverso lo strumento della condivisione non solo a sostenere chi ha meno mezzi, ma a diffondere un concetto di “non consumo” attraverso la conoscenza e la solidarietà e a creare un nuovo modo di essere comunità. Anche la “ciclo biblioteca” vuole essere il superamento del concetto statico di comunità solidale per diventare gesto, se vogliamo anche simbolico, di comunità “verso”. Al 52r ci saranno libri in prestito e/o da scambiare, il tesseramento della Biblioteca Berio per accedere a tutti i loro volumi (consegna a domicilio per le persone a mobilità ridotta), mentre con la bici, settimanalmente, gireremo nel sestiere per incentivare lo scambio di testi.
Vorremo divenire una buona pratica riproducibile di una commistione (o per lo meno del tentativo) tra nuovi strumenti di comunicazione e “vecchie, ma sempre utili" concezioni dello stare insieme, trovando equilibrio e coinvolgendo il più alto numero di persone possibili, in un percorso virtuoso di conoscenza e scambio.
LE AZIONI
ll Progetto “Madd@lena52” è un insieme inscindibile di iniziative che partono dalla lettura dei bisogni avvenuta nell’ultimo anno di lavoro e si esplicitano in 7 azioni correlate tra di loro.
1) Il punto centrale del Progetto è l’apertura dello spazio fisico di incontro (Madd@lena52). Il 52r sarà il luogo dove: tessere relazioni, conoscere, ascoltare, confrontarsi, raccogliere idee e progetti di quanti in questi anni hanno pensato che un cambiamento fosse difficile ma possibile. Daremo forma concreta ad un luogo che, con la presenza delle persone, il loro andirivieni, aumenti la percezione della sicurezza, coaguli le forze sane del quartiere, le faccia sentire a casa propria e non confinate negli spazi lasciati liberi dalla microcriminalità. La situazione di fragilità dell’ambiente rende essenziale l’apertura di un presidio dove scambiarsi buone prassi e fare comunità. Il 52r sarà luogo di aggregazione che sia insieme uno spazio riconoscibile, uno spazio da cui partire per invertire le tendenze e dove far crescere integrazione, condivisione e comunicazione.Sarà garantita un apertura trisettimanale per almeno 12 ore complessive.
2) Lo spazio “fisico” sarà supportato da uno spazio “virtuale”, (madd@web), ovvero il portale del Progetto. Dedicato alla comunicazione esterna, vi saranno rappresentati i partecipanti e le attività svolte per le diverse azioni, sarà lo strumento per sapere ed essere aggiornati ma anche dove proporre e commentare.
3) Allo stesso modo lo spazio fisico come luogo di scambio sarà affiancato da un “grande magazzino” virtuale (Madd@scambio): il portale degli oggetti condivisi. Il principio non è nuovo, ma, in periodo di crisi e post-consumismo torna in auge lo scambio e il prestito di oggetti. La novità sta nel mezzo: utilizzare il web per allargare l’utenza e mettere a disposizione più oggetti possibili da scambiare gratuitamente, come se avessimo un grande magazzino sempre a portata di mano. Il portale ha un alto potenziale sociale: le persone, per effettuare lo scambio, dovranno vedersi, attivare nuovi rapporti di fiducia e essere sensibilizzati rispetto alla necessità di percorrere le strade di un futuro sostenibile. Il luogo fisico in cui scambiarsi gli oggetti fungerà da supporto al web, ad esempio per gli abitanti non più giovani che non hanno accesso a internet o per trovare persone che spieghino l’utilizzo del portale. Questo strumento vuole promuovere un cambiamento culturale, porre l’accento sulla coesione del quartiere e sullo sviluppo del territorio in ottica “smart”.
4) Lo spazio fisico del 52r sarà anche la casa dei libri (Madd@libri), ovvero una biblioteca dove avere in prestito libri, recensirli, commentarli. Non mancherà l'angolo di book crossing. I libri raggiungeranno tutti grazie ad una ciclobiblioteca che, percorrendo le strade del quartiere raggiungerà piazze e vicoli, prevedendo consegne a domicilio per le persone con difficoltà motorie. Il progetto avrà il supporto della Biblioteca BERIO, che attiverà con noi una “filiale” mettendo a disposizione libri da tenere in loco e la possibilità di accedere a tutti i loro testi attraverso il catalogo on line; settimanalmente ci occuperemo del prelievo e consegna degli stessi, si organizzeranno letture e si collegheranno le mailing list al fine di aumentare la diffusione delle iniziative.
5) Un’altra azione prevista è la creazione del giornale (madd@news), che nasce per avere uno strumento aperto con il quale essere in contatto con la molteciplità di soggetti che operano, lavorano o transitano per il sestiere. La vitalità delle persone e degli enti che vi operano alimenta numerose iniziative, serve uno strumento con il quale comunicarle. Si racconteranno storie e notizie e si darà voce a tutti. Il giornale sarà disponibile on-line in formato pdf con contenuti multimediali (possibilità di visualizzare clip audio e video), esisterà anche una versione cartacea stampata stile manifesto che verrà affissa nelle bacheche del quartiere. Si garantirà una pubblicazione mensile 
6) Produzioni audio complementari all'attività di madda@news costituiranno l’azione  madd@radio, con la supervisione e la collaborazione della redazione di Radio Gazzarra che metterà a disposizione la propria strumentazione e competenza nell'audio-editing. Le informazioni saranno così arricchite da contenuti multimediali disponibili on line sul sito del progetto, scaricabili liberamente e condivisibili in formato podcast. Si prevede la realizzazione e la trasmissione di una pillola settimanale (2'00'') con 5/6 passaggi giornalieri sullo streaming di Radio Gazzarra, dedicata agli appuntamenti in agenda nel Sestiere. Prevista anche la trasmissione mensile di approfondimento (20'00'') dedicata alle storie del quartiere, alle sue ricchezze nascoste, alle voci di vecchi e nuovi abitanti e protagonisti della sua rinascita.
7) Ulteriore strumento di comunicazione sarà la nostra web tv, Telemaddalena (Madd@tv). Il progetto ha già all’attivo una puntata (www.telemaddalena.it) costruita con una serie di sketch interpretati da abitanti, (le location sono le loro case). L’obiettivo è parlare dei problemi del quartiere in toni ironici e secondo le modalità della fiction, sdrammatizzando. L’intento, oltre al tentativo di catarsi per noi residenti, è di comunicare anche all’esterno edulcorando la percezione di luogo inospitale e grigio che spesso si ha del quartiere.  Il progetto stimola la creatività tra i residenti, promuove la socializzazione  e da modo a molti di avere un primo divertente approccio alla produzione audiovisivaSaranno prodotte almento 6 puntate